pensando a Sciascia..

30 08 2014

Leggendo, della polemica a proposito di “Malerba” il romanzo sulla vita di Giuseppe Grassonelli, da più di venti anni in prigione per una serie di omicidi commessi in Sicilia tra la fine degli anni Ottanta e gli inizi dei Novanta, ergastolano ostativo perché mai diventato collaboratore di giustizia…   Il libro, scritto a quattro mani con Carmelo Sardo, è arrivato in finale al premio Sciascia e Gaspare Agnello, uno dei suoi giurati storici e anche amico personale dello scrittore, si è dimesso in polemica con la presenza in gara dell'”omicida-scrittore”. Le sue parole: “Dargli un premio, nato come strumento culturale di riscatto del sud, ma che da oggi non potrebbe più fregiarsi del nome di Sciascia, sarebbe un’offesa alle tante vittime”. Mi permetto di pensare, a proposito di Sciascia, che sono convinta che non potrebbe che sorridere di tutto questo.. lo immaginate? strizzando appena appena gli occhi come per guardare lontano… perché quello che in sostanza Carmelo Sardo così bene spiega, è che a nessuno si può negare il diritto alla riabilitazione… Sciascia, l’abbiamo dimenticato? , ai tempi in cui intervenne per invitare a non abdicare ai principi dello stato di diritto, fu accusato di “alleanza oggettiva” con i nemici di allora, e si parlava allora di terrorismo… lui disse: “sono stanco di essere accusato di alleanza oggettive con questo o con quello… queste alleanze , mosse in accusa a chi difende certi diritti civili che si vogliono dimenticare, o a chi discorda da opinioni che si vogliono totalitarie, è uno dei ricatti che più pesa nella vita italiana…” Penso che uno dei nodi, oggi, sia ancora questo…


Azioni

Informazioni

Lascia un commento

Puoi usare questi tag : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>