Bio

Francesca de Carolis è nata a Santa Maria Capua Vetere (Caserta) nel 1956.

Laureata in Scienze Politiche all’ Università di Napoli. Ha collaborato con riviste e quotidiani, fra cui “Il Messaggero” e “Il Mattino”.
Approdata alla Rai nel 1987, dopo una breve quanto indimenticabile esperienza in Sicilia, ritorna a Roma dove lavora presso il TG1. Ruolo “di macchina” come si dice in gergo. Dall’estate del 2008 collabora con i programmi di RadioUno. E  per Radio UNO, ha ideato, realizzato e condotto, insieme con Daniela Morandini, “C’era una volta… e c’è ancora adesso”, viaggi nella realtà contemporanea, indagata attraverso il racconto e gli archetipi della fiaba. Sempre per Radio Uno ha curato  la rubrica dedicata alle disabilità “Diversi da chi?” , che continua a realizzare nell’ambito della nuova formula di “Area di servizio”. Ultimamente ha approfondito il tema dell’ergastolo  ostativo, e , dopo la pubblicazione di “Urla a bassa voce, dal buio del 41 bis e Fine Pena Mai”, continua ad occuparsi di chi, nelle carceri italiane, vive questa condizione estrema.

Quando può cerca di fare più o meno brevi fughe e prende appunti.
Un vizio, quello di prendere appunti, che si è tradotto in alcuni libri:
“I giochi della Cometa” (Il Ventaglio, 1986),
Maritè (Vallecchi 1995 ),
“India, appunti di viaggio” ( Fermento 2004),
“Angela, angelo, angelo mio, io non sapevo” (Stampa Alternativa 2007).

“Urla a bassa voce, dal buio del 41bis e Fine Pena Mai”, (Stampa Alternativa 2012)

Ha curato, per la collana MIllelire di Stampa Alternativa : “L’Assassino dei Sogni , lettere fra un filosofo e un ergastolano” (2014)

francesca.deca@virgilio.it

un aggiornamento… 

5 risposte a “Bio”

12 03 2008
Fab (17:35:32) :

Ciao, poi quando aggiorno il mio blog ti mandero’ l’indirizzo.
Stammi bene, baci. Fab

12 03 2008
Paola (18:41:43) :

Ciao, Francesca!
Sono contenta di “incontrarti” qui… Mi permetterò di scarabocchiare qualcosa… ma voglio farlo con stile! A presto e bacioni! Paola

3 06 2008
Roberto (14:33:23) :

ho letto il tuo libro ‘India – appunti di viaggio’ e lo considero davvero bello, pieno di emozioni.
Rende perfettamente l’idea dell’India, mi ha dato la sensazione di averlo scritto io, quanto leggevo corrispondeva a quanto da me provato mentre ero laggiù.
Una terra bellissima, gente di cuore
complimenti!
Roberto

30 10 2008
Gianni Mammoliti (14:10:14) :

Ciao Franceschina
Ho scoperto solo ora il tuo blog. Forse è più facile incontrarti qui in rete che di persona. Anche in Sicilia era la stessa cosa…
Un bacione.

Gianni

22 04 2012
leonardodeca (17:00:40) :

ho guardato il tuo sito
[bello!!!!!!! :-)]

Lascia un commento

Puoi usare questi tag : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>