More

    Tinomolla

    “Ciao bambini il mio nome è Tino… Tinomolla per gli amici. Alla mia nascita successe il finimondo a Orbettilandia… Fui subito scartato,  per una caratteristica davvero strana: invece di strisciare come i miei simili , avevo una forma a spirale, sembravo una molla. Rispetto agli altri della mia specie che sono rigidi, io ero elastico e molleggiavo… con un suono molto simile al miagolio di un gatto…. del tipo… Miaoooong…”

    Iniziano così “Le avventure di Tinomolla”, di Naomi Chiaramonte e Fabio Di Stefano …  Di Stefano,  assessore a Cuneo, fondatore di un’associazione, Cuneo nel cuore, nata per combattere i pregiudizi, anche e soprattutto per chi ha una disabilità. Questo racconto fa parte del progetto Favolabili, che è una delle iniziative dell’associazione.  La storia…  Tinomolla è tanto diverso che deve andare via dal suo paese… tutti lo trattano come un fenomeno da baraccone, ma alla fine sarà proprio lui a salvare il suo paese, Orbettilandia, da un’incursione di roditori. Una favola che finisce bene, ma è sempre così? … L’orbettino, spiega bene Di stefano,  sembra un serpente, ma serpente non è..  è anche molto utile all’uomo… in molti paesi lo sanno, in altri no… e lo combattono  come serpente… come accade con persone che non vengono riconosciute  persone.. Di Fabio Di Stefano, colpì molto lo scorso anno una foto, quasi il ritratto di una pietà, mentre saliva le scale della scuola con suo figlio fra le braccia. Suo figlio, Dodo, non può camminare e non c’era in quei giorni altro modo per entrare a scuola… (…) Ora la cosa è sistemata, anche se i problemi non mancano mai, anche se Cuneo è città attenta, e ora ha un sindaco cieco, particolarmente sensibile a questi problemi… Che rimangono infiniti per chi, come Di Stefano ha un figlio con una disabilità grave, per quei genitori la cui vita è alla fine guidata da un solo pensiero: cosa accadrà dei nostri figli quando noi non ci saremo più… Già, cosa accadrà… chi li accudirà,chi li amerà, chi li farà sorridere… Di Stefano è di quelli che costruiscono progetti. Intanto, con il ricavato dalla vendita dei libri, e magari l’aiuto del Comune, di altre associazioni, costruire una casa per il “dopo di noi”.

    E tanti altri progetti ancora… andatelo a trovare … nel sito www.cuneonelcuore.it…

     

    Ultimi Articoli

    Archivio

    Articolo precedenteIl sole dentro
    Articolo successivo