I Granai della Cultura…

9 08 2020

E per saperne di più… questo il Comunicato Stampa del festival

Dal 18 al 30 agosto 2020 Pitigliano ospita
GRANAI DELLA CULTURA, XIX FESTIVAL INTERNAZIONALE DI LETTERATURA RESISTENTE
IL TRIBUTO DI MARCELLO BARAGHINI AI CINQUANT’ANNI DI STAMPA ALTERNATIVA
A cinquant’anni dalla fondazione di Stampa Alternativa, Marcello Baraghini attraversa gli anfratti più provocatori e sintomatici delle sue “Strade bianche” per esprimere il futuro dell’editoria all’incontrario e le passioni, le pulsioni, le storie di chi, i libri, li ha scritti, di chi li legge da sempre e di chi ancora non li ha letti mai.
E così, ergastolani, geni, pazzi, fumettisti, scrittori, illustratrici, analfabeti, piccoli e piccolissimi popoleranno gli eventi dei “Granai della cultura – XIX Festival Internazionale di letteratura resistente”, a Pitigliano dal 18 al 30 agosto: una rassegna liquida, capace di scivolare dalle sale espositive dei Granai della Fortezza Orsini ai gradini delle Macerie, incanalandosi ostinata tra i vicoli del centro storico e gli ambienti scavati nel tufo della libreria Strade Bianche, adattandosi disinvolta alle platee più discordi e dissonanti.
Spetterà alla giornalista Francesca de Carolis e a Marcello Baraghini inaugurarla martedì 18 agosto, presentando il romanzo di Mario Trudu “La mia Iliade, un’odissea di quant’anni a inseguire la vita”. L’autore, ergastolano ostativo, è morto pochi mesi fa per un male senza aver avuto la possibilità di farsi curare all’esterno del carcere, dopo 40 anni di detenzione estrema.
Poi, per dare l’impronta al Festival, mercoledì 19 agosto, Daniela Piretti, scrittrice, e Jana Magro, illustratrice, presenteranno il secondo volume della collana “I Piccolissimi” di Le Strade Bianche di Stampa Alternativa “La filastrocca della lumaca”, destinato a bambine e bambini che ancora non sanno leggere, e cinque laboratori di creatività.
Il programma della XIX edizione del Festival, che gode del patrocinio del Comune di Pitigliano, è molto articolato. La ricchezza delle proposte comprende sette mostre nei vasti spazi dei Granai, tutti a norma per il distanziamento, 5 incontri con scrittori e la rassegna “Stand-up Comedy”, alle Macerie in via Zuccarelli.
Venerdì 28 agosto, Vincenzo Sparagna presenterà due volumi freschi di stampa: il primo “Cristoforo Sparagna, il minturnese. La vita, l’arte, la poesia, le visioni del mio geniale e profetico papà” e il secondo “44 autori, l’avventura Maivista di Frigidaire, 1980-2020”, entrambi edizioni Frigolandia.
Il Festival si chiuderà domenica 30 agosto alle ore 19 con la parata delle bambine e dei bambini che, dopo aver partecipato al laboratorio di cartapesta condotto da Matteo Raciti e Chiara Gistri, invaderanno le vie del centro storico di Pitigliano esibendo le loro opere.
“Strade Bianche, dunque, strade non asfaltate per rintracciare percorsi fuori dalla topografia ufficiale, a partire dalla voce di denuncia e di ribellione che proviene dalla galera più profonda, perché siamo convinti che la letteratura del futuro nasce da qui, da parole e contenuti forti di verità mai gratuite, mai effimere, come gli umori di cui è fatto il suo inchiostro. In direzione ostinata e contraria”. Marcello Baraghini, fondatore di Stampa Alternativa


Azioni

Informazioni