More

    C’è qualcosa che non va…

    … e quindi, seguendo un filo lontano, e riprendendo in mano un libro di più di qualche anno fa. “L’olivo e l’olivastro”, di Vincenzo Consolo, appunto. Che ricordavo d’avere letto ma delle cui pagine la memoria era andata via. Dimenticanza, come tante altre, imperdonabile, se non venissero in soccorso dai tempi del liceo le parole del vecchio professore di italiano. “La cultura, disse a noi studenti, è quello che rimane dopo che si è dimenticato tutto”. E quindi, questa frase, da sempre la tengo d’acconto. Dal vuoto del tutto di quel libro era rimasto il senso del sapore di pietre arse, acqua salata e malinconie di lune. Che ho ritrovato, nel racconto del viaggio del ritorno in Sicilia, insieme alle immagini che compongono, quanto mai attuale, una metafora dell’Italia. Una sola frase, lasciando i dettagli del libro a chi volesse riprenderlo: “C’è qualcosa che non va. E’ come una musica stonata, come se le onde del mare facessero il rumore di un metallo che stride”. Era tanto tempo, ma davvero tanto, che terminate le pagine, non iniziasse il pianto.
    (L’olivo e l’olivastro, Vincenzo Consolo, Mondadori 1994)

    Ultimi Articoli

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteLa verità, vi prego sull’amore
    Articolo successivoL’ultima emergenza