More

    Contabilità

    Lo rende noto l’osservatorio permanente sulle morti in carcere. L’ennesimo suicidio nel supercarcere di Maiano di Spoleto. Aveva 53 anni. Era di Vibo Valentia. Stava scontando l’ergastolo. Si è impiccato con un lenzuolo nella sua cella. Non c’è stato nulla da fare, si comunica, perché la morte è sopraggiunta quasi istantaneamente. Certo, ma chissà che qualcosa forse non era possibile fare prima, molto prima… prima che il suo desiderio diventasse davvero solo desiderio di morte. Istantanea. Forse troppo frettolosa, ma nella ricerca fatta su internet, non ho trovato il nome del suicida. Consegnato, anche così, a un destino di morte. Quello di essere sempre e soltanto un “Uomo Ombra”.

    E si aggiorna la contabilità dei morti. Dall’inizio dell’anno 26 il numero dei suicidi nei centri  di detenzione italiani. 71 il totale dei detenuti morti. Buon fine settimana a tutti.

    Ultimi Articoli

    Lo strazio dei bambini

    Le Donne del Muro Alto

    carcere e covid, fra emergenze e menzogne

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteNapoli, un pensiero…
    Articolo successivoPiazze in movimento…