More

    La stazione…

    Già… i fantasmi sono leggeri… un soffio e si può provare a mandarli via…come fumo… ma a ricordare la tremenda esplosione dell’episodio più sanguinoso delle stragi provocate dalla strategia della tensione … nella ricostruzione dell’ala della stazione distrutta, è stato lasciato uno squarcio nella muratura… una crepa pesante come la pietra…. E quell’uomo, che nella strage di Bologna ha perso tutto, “lui quella crepa nel muro proprio non la sopporta… gli sembra … una catacomba riportata alla luce per turisti di passaggio, una tomba etrusca salvata dall’oblio… una ferita… così ben rifinita… talmente ostentata che diventa patologia alla quale c’è il rischio di abituarsi… “(“La stazione” M.Fois)

     

    Ultimi Articoli

    Compagna solitudine

    Porrajmos, il genocidio dimenticato

    Il salotto del papà di Carlo…

    Il papà di Carlo

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteLa stazione…
    Articolo successivoUn pensiero a questo Dio…