More

    Nemici alle porte

    A proposito di nemici alle porte. Riprendo, dal sito di Repubblica, una notizia di oggi, ennesima replica di una notizia di ieri, l’altro ieri, e ieri l’altro ancora…: “Tre cadaveri sono stati recuperati a largo di Lampedusa dalla nave “Fenice” della Marina Militare. Il gommone su cui viaggiavano si sarebbe ribaltato a causa dell’agitazione scoppiata tra i passeggeri che hanno visto avvicinarsi l’unità militare. Sul natante c’erano almeno 76 persone, di cui 48 tratte in salvo. Intanto proseguono le operazioni di soccorso per raggiungere gli altri dispersi: sarebbero almeno 25 le persone ancora non individuate”. Da cercare, magari, in fondo al mare. Così affollato, si immagina, di morti. Quasi a consolarsi, per cancellare il pensiero del dolore di fame, sete, e del sale arso che corrode il corpo, la dolcezza dondolante di un verso: “… e gli spolpò le ossa in sussurri”. La morte per acqua. Dal solito Eliot.

    Ultimi Articoli

    Correvo pensando ad Anna

    C’è un angelo sopra a Salerno…

    Il cammino di Hamdan

    IntimaLente, uno sguardo sul mondo

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteIl lusso di sognare…
    Articolo successivoLa verità, vi prego sull’amore