More

    Sangue sudore e lacrime

    dscn2161-3Sangue, sudore e lacrime… un libro per restare umani.. Ascoltate che ne dice Daniela Morandini:

    ““ Blood, Sweat and Tears” (Sangue, sudore e lacrime) ,un libro “Per diventare un chirurgo migliore”.
    E’ l’ultima pubblicazione di Philip F. Stahel, primario di chirurgia del trauma al Denver Health, in Colorado.
    A sorpresa, il libro si apre con una fotografia di Positano: verso sera, la torre di Clavel, luogo magico per tanti futuristi.
    “ E’ proprio nella spiaggia del Fornillo – scrive Stahel- vent’anni dopo un’esperienza terribile, che, bevendo un bicchiere di Greco di Tufo, ho finalmente avuto il mio momento di verità”.
    “ Ero molto giovane, quando ho conosciuto Aniello Cappiello, il patriarca di questo pezzo di mare – ci racconta il dottore- . Mi aveva rimproverato in modo molto severo, per avere buttato in mare il nocciolo di una pesca:
    -Rispetta il mare e ascoltalo sempre – mi disse”.
    Quelle parole, il dottor Stahel non le ha mai dimenticate, e il nesso tra un chirurgo migliore, la torre di Clavel, e il nocciolo di pesca, e’ diventato sempre più forte.
    Sono pagine, queste, che, con un rigore scientifico molto chiaro, illustrano casi clinici, analisi e statistiche, ma che, soprattutto, si basano sulla necessità di empatia, perché, prima di diventare un buon chirurgo, occorre essere una persona che sa ascoltare: ospedale non vuole dire automaticamente sicurezza.
    “Mi hanno insegnato a tagliare, ad usare il bisturi, a rimuovere parti malate, ma io non sono un meccanico, non aggiusto automobili: quando i pazienti parlano, ci stanno già indicando la diagnosi”.
    Il suo concetto di empatia e’ pragmatico: e’ la capacità di capire quello che sente l’altro, a prescindere dall’essere, o non essere d’accordo. Nulla a che vedere con la simpatia.
    “Per esempio – scrive Stahel- sono empatico con un paziente sotto la maschera ad ossigeno, perché ha fumato crack, anche se non condivido quello che ha fatto. Sono empatico con un collega che ha sbagliato: potrebbe capitare anche a me”.
    Ma sviluppare empatia e’ un processo graduale,lento,difficile. E l’equilibrio può sempre essere minato dal delirio di onnipotenza,dalla seduzione della fama e del denaro. Eppure,in ogni chirurgo, ammonisce Sthael, c’é un piccolo cimitero dove, di tanto in tanto, si torna a pregare.
    Solo quando si conquista una consapevolezza positiva – aggiunge- si riescono a fare i conti con il tempo, la risorsa più importante.
    Il tempo non e’ denaro: non lo puoi depositare e ritirare più tardi. Il tempo é sentire, capire, valutare i rischi, intervenire, salvare una persona, migliorare la qualità di una vita. Ma anche gioco, sentimenti, Montagne Rocciose, musica, mare .
    E così Phil, che neanche in sala operatoria vuole farsi chiamare ne’ dottore, ne’ Sir, né professore, conclude questo viaggio nella medicina, iniziato al Fornillo.
    Ci si chiede allora se “ Blood, Sweat and Tears” sia solo un testo per diventare un chirurgo migliore o, ancor meglio, per restare umani.

    Daniela Morandini

    Ultimi Articoli

    Le donne, la violenza…

    Lo strazio dei bambini

    Le Donne del Muro Alto

    Archivio

    Tag

    Articolo precedentequando i migranti siamo noi…..
    Articolo successivoLa buona scuola…