More

    8 dicembre

    Passando, lungo strade all’improvviso affollate. Prove, forse, della festa che verrà. E piombare alle spalle di un breve muro di folla, che sbarra il passaggio ai bordi della strada, per scoprire che è lì ad aspettare che il Papa compia il percorso che sempre compie, ogni anno, in questo giorno, a quest’ora, dalla sua basilica alla piazza dove in alto, in cima in cima alla colonna, sta la Madonna dell’Immacolata. E aspettare insieme a quella gente di vederlo infine passare. Il Papa, vestito della mantella rossa, in piedi sulla macchina bianca, blindato nello scudo di vetro che lo tiene al riparo… Sorprendersi di scoprirlo minuto, e curvo e lontano, per quanto lì a due passi, nella sua scatola di vetro blindato. Sentire, qualche commento distratto, uno sparuto battito di mani, così sparuto e frettoloso che quasi gela il cuore. E poi la folla già si scioglie, per subito sciamare inseguendo il suo vagare. In attesa del Natale che verrà.

    Ultimi Articoli

    C’era una volta, oggi… La frattura

    Aiutiamo “postazione Eugenia” a rinascere!

    Marco Cavallo non si sfratta!

    La ragazza col tovagliolo

    Archivio

    Tag

    Articolo precedentePensiero d’inizio dicembre
    Articolo successivoLinguaggio, linguaggi…