More

    Anche le fate hanno il tablet…

    Mi arriva da Manuel Ronzoni un annuncio cui vale la pena di dare un’occhiata, e non solo se siamo di quelli per cui la fiaba fa parte ancora del proprio orizzonte… per un progetto che si presenta così:

    “Arriva la versione 2.0 della più popolare app di fiabe! Un progetto italiano, costruito sulla passione di più di 500 autori coinvolti e su contenuti classici ed originali che ha permesso di creare la più completa collezione di fiabe italiane con più di 1.500 testi, video e audio fiabe. Il portale www.tiraccontounafiaba.it è il punto di raccolta, la redazione inserisce le fiabe classiche, gli utenti possono condividere tutta la propria fantasia inviando fiabe nuove ed originali; le app ufficiali iOS e Android permettono la diffusione a più di 200.000 utenti che hanno effettuato il download (gratuito!) dell’app. // Un progetto completamente gratuito per tutti gli utenti, un esempio di condivisione sociale di contenuti di qualità, nel rispetto dei diritti d’autore e con l’obiettivo di fornire un supporto educativo e di intrattenimento ai soggetti che “raccontano le fiabe”: genitori, insegnanti, educatori, nonni …  // L’aspetto sociale e la possibilità di condividere i propri testi è inoltre uno stimolo alla creatività di piccoli e grandi autori. Un’offerta di visibilità unica e gratuita per dare spazio alla propria fantasia e per rendere interattivo il “gioco della fiaba”.(…)

    La versione 2.0 dell’applicazione Android ha come obiettivo quello di rendere l’app ancora più coinvolgente consentendo all’utente di registrare le fiabe durante la lettura per consentire al proprio bimbo di riascoltare quando vuole la fiaba raccontata dal genitore.

    Ascoltare la voce del genitore rende la fiaba ancora più speciale. La funzione educativa della fiaba risulta sempre e comunque esaltata dal ruolo di chi la racconta.

    Si può inoltre condividere con tutta la comunità di “Ti racconto una fiaba” il proprio racconto audio con la funzione di invio al portale.

    Insomma, innovazione e … fate vanno a braccetto, in un mondo dove i nativi digitali, immersi nella tecnologia, possano recuperare contenuti con radici nella più profonda delle tradizioni: quella del racconto.

    Una nota : “Ti racconto una fiaba” nasce nel 2009 quando Manuel Ronzoni decide di rendere il suo blog collettivo invitando una serie di autori di fiabe (e non) a postare sul nuovo portale i propri contenuti per creare un contenitore che fosse omogeneo ed unico nel suo genere. La fiaba per i nativi digitali, dunque. I contenuti vanno dai grandi classici di H.C. Andersen alle fiabe multimediali che giovani attori, autori e narratori decidono ogni giorno di condividere con visitatori grandi e piccini.  La diffusione “virale” tramite social network ha permesso la rapida affermazione di www.tiraccontounafiaba.it e di www.itellyouastory.com come punti di riferimento per tutti gli appassionati e per quanti fossero alla ricerca di fiabe originali o classiche, in versione testuale o multimediale.  Più di 2.000 fiabe, più di 1.000 autori provenienti da ogni angolo del mondo, 5.000 visitatori unici al giorno, 1.000.000 pagine viste mensili, le app ufficiali (Android e iOS) in classifica in più di 45 nazioni (fonte: AppAnnie)! La versione anglofona “I’ll tell you a story” (www.itellyouastory.com) e la relativa app Android nascono ad aprile 2012, con l’idea di replicare il modello italiano e i riscontri sono estremamente positivi con il supporto del British Council ci indica come risorsa per l’insegnamento della lingua Inglese, oltre che di diversi enti UE per la promozione dell’e-learning e una pubblicazione su “Times of India”.

    Un buon esempio di come il nostro paese sia in grado di esportare idee, innovazione e cultura!

    —Insomma, buona lettura e buon ascolto!

    I link

    www.tiraccontounafiaba.it  www.itellyouastory.com

    Ultimi Articoli

    Le donne, la violenza…

    Lo strazio dei bambini

    Le Donne del Muro Alto

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteLe nostre prigioni…
    Articolo successivoRitornando a Santa Maria…