More

    Al mercato

    Un racconto di Daniela Morandini. Come un flash. Ed è andata esattamente così…

    “Al mercato, un giorno qualsiasi. Due bimbi di un anno più o meno, che appena appena camminano, si tengono per mano tra due file di scarpe. Uno sembra un cesello orientale, l’altro un guerriero in miniatura. Qualcuno si ferma a guardarli: sono così belli che sembrano finti. Un uomo impreca perché non riesce a passare. “Stronzo” gli fa una signora bionda vicino a me. “Scusi sa, ma quello lo conosco, è anche un padre, come fa a fare così?”
    Dico qualche banalità sui bambini e la guardo. E’ giovane, ma non troppo. Ha occhi celesti larghi. E’ bella, anche se è troppo magra e ha i denti rovinati.
    “Perché tanta cattiveria? Sa cosa succede poi?”. Aspetto la spiegazione e lei va avanti:
    “Mio figlio si chiude in camera e si taglia. Il padre mi ha detto di riempirlo di botte. Ma scherziamo? In casa non ho nascosto niente. Sarebbe peggio. Il mio compagno è paziente, quando gli dice che dobbiamo stare insieme lui non va in camera a tagliarsi”.
    La signora bionda è composta, ma comincia a piangere:
    “Vedrà che risolverò anche questo”.
    “Ne sono sicura” dico io. Mi presento e lei mi dice il suo nome, ma non lo ricordo. Ci salutiamo con un abbraccio e vado a comprare i broccoli, mentre i due bimbi che giocavano tra le bancarelle non ci sono più”.

    Daniela Morandini

    Ultimi Articoli

    Dalla “città dei pazzi”…

    Compagna solitudine

    Porrajmos, il genocidio dimenticato

    Archivio

    Tag