More

    Al mio fantastico amico

    Ancora una poesia, di uno dei ragazzi di Giovanna Cantoni. “Al mio fantastico amico”, ed è  stata scritta da Emilio. Il suo fantastico amico è un ragazzo rom…  ascoltiamo…
    “Ho un amico magnifico, fantastico, / spinge la mia carrozzella per andare in classe; / mi fa salire le scale / e a volte a guardare dal davanzale: / è le mie braccia e le mie gambe. //Studia con me / e dice: “sono aiutato da te” .// Il mio amico fantastico / Rom, zingaro, nomade per tutti / per me gentile e caro / Luigi, amico assai raro.//Il suo popolo è riconosciuto da trent’anni/ anche se esiste da tremila anni./ La sua storia fa invidia: e le sue origini sono in India. / I Rom non hanno una terra / e non hanno mai fatto la guerra, / non hanno sfruttato nessuno / hanno sofferto emarginazione e digiuno.//Nel giorno della memoria, / quando si profonde l’oratoria, / dei Rom tutti si dimenticano / che migliaia ne ha uccisi il lager nazista / e gassati la furia razzista. / Nessun Rom ucciso ha un nome scritto in un libro, / a nessuno di loro è stato dedicato un monumento / quasi fosse un comandamento / dei Rom l’esistenza dimenticare / e ad altre cose pensare. / Il prof della Shoah ha parlato, / ho detto: “prof dei Rom ti sei dimenticato”. / “Che cosa c’entrano? / Degli Ebrei dobbiamo parlare, / degli Ebrei è l’olocausto”./ //Non ho risposto/ il capo ho nascosto /per la vergogna, / mi sentivo veramente alla gogna / per non essere andato fino in fondo / “scusami, amico, tu sei il mio mondo./ Per viltà non ti ho difeso / spero di non averti offeso”

    Emilio adesso non c’è più. E forse il più bel ricordo, che ci lascia Giovanna Cantoni, della sua storia è l’immagine dei due amici, Emilio e Luigi, in prima fila ad ascoltare la conferenza sullo sterminio dei Rom che il padre di Emilio, per rimediare alla grande delusione dei due ragazzi, ha organizzato nel suo paese.

    Ultimi Articoli

    Le Donne del Muro Alto

    carcere e covid, fra emergenze e menzogne

    Ieri a Napoli

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteL’olocausto…
    Articolo successivoUn appello, per i morti della Marlane