More

    ***Da non perdere

    locandina del filmProprio non riesco a capire perché la pagina dei film di Repubblica lo segnali con un sommesso ‘si può vedere’, e riservi ad altri stellette ‘da non perdere’. E peccato, che i criteri contemporanei della distribuzione cinematografica l’abbiano da subito confinato in un numero risibile di sale. C’è da scommetterci che fra breve scomparirà quasi del tutto. Ma in attesa che venga trasmesso sui canali Rai con i ritocchi programmati per il pubblico televisivo, suggerisco di armarsi di pazienza e determinazione e andarlo a cercare nelle ‘nicchie di resistenza’. Ne varrà davvero la pena. Per “Sonetàula”, di Salvatore Mereu, regista sardo (chi ha visto “Ballo a tre passi”?). 158 minuti di cinema a mio parere raro. Eccezionale nel panorama della filmografia italiana.

    Tratto dal romanzo omonimo che Giuseppe Fiori scrisse negli anni Sessanta, narra il tragico destino di un giovane pastore, il suo scivolare verso il banditismo. Ma è anche la storia della Sardegna fra la fine degli anni Trenta e gli anni Cinquanta, delle sue trasformazioni. E’ un piccolo gioiello nel gioiello l’episodio dell’arrivo dell’elettricità in paese. Il passaggio dall’oscurità alla luce, la festa in piazza. I riflessi spiati dagli angoli del buio. Ma sono i panorami aspri e le suggestioni profonde che dominano. Nessuna concessione a sentimentalismi e compassione. Nessun giudizio. Il racconto procede con passo determinato. Rigorosamente in lingua sarda. Ma dopo i primi tre quarti d’ora quasi non ci se ne accorge più. E neanche ci si commuove sul finale tragico, che si sa ineluttabile. Gli scenari, i colori, i volti, suggeriscono sentimenti asciutti. In “Sonetàula” ho ritrovato la forza e la profondità narrativa che ho amato nelle opere degli scrittori isolani, che conoscono la propria terra, e la sanno continente, e con essa le cose profonde della vita.

    In un’intervista Salvatore Mereu ha detto che questo film ha bisogno di un buon passaparola per trovare il suo pubblico. Spero che questa parola passi…

    Ultimi Articoli

    le donne del muro alto…

    “Posa, posa!”. Eduardo a Positano

    Diversamente in vita

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteA proposito di anniversari
    Articolo successivoUnderground 2