More

    Il tridente…

    Quante storie avrebbe da raccontare, la Sirena delle Rocce… eccone un’altra, che l’altra notte ancora ha sussurrato a Daniela Morandini…

    “Angelica, da qualche tempo, viveva in quella grotta dove, d’inverno, i marinai riparavano le barche. In cambio rammendava le reti, cuciva le vele, sbatteva i polpi sui sassi, affinchè diventassero teneri. Disponeva con cura i pesci nelle cassette, prima che le portassero al  mercato. Non era più giovane, aveva il viso rigato, ma era ancora forte. La sera non vedeva nessuno. Solo  la Sirena delle Rocce, qualche volta, andava a trovarla. Insieme    parlavano, mangiavano, a volte cantavano. Quando la  donna  vide quella strana creatura per la prima volta, era poco più di una ragazzina. Fu quando Giorgione, quell’uomo pesante e bagnato le si schiacciò addosso. -Non finirà così, vedrai- le aveva promesso la Sirena. Ma poi fu  proprio la madre di Angelica a venderla per pochi soldi a quel mostro. Furono anni di dolore e di  silenzio. Una sera che il marito non c’era, la Sirena delle Rocce scese dal suo scoglio più alto, e bussò alla porta di Angelica: cosa voleva da lei quell’essere metà femmina e metà pesce, che si reggeva sulla punta della coda d’argento? “Tieni- le disse la Sirena, porgendole un tridente- me l’ha dato per te un amico che vive sotto al mare” .La donna  la fece entrare. Si sedettero in cucina e non parlarono più. Quando Giorgione tornò a casa, la moglie  lo guardò negli occhi e gli conficcò il tridente nel cuore. Poi  tornò a sedersi vicino alla creatura e, insieme, aspettarono le guardie. I gendarmi arrivarono presto e la portarono in carcere, dove rimase per anni e anni. Quando uscì, davanti al portone, la Sirena delle Rocce era lì ad aspettarla.

    Nota:  La Sirena delle Rocce e’ una mia invenzione. Angelica -che non si chiama così- l’ho conosciuta veramente. Daniela Morandini

    Ultimi Articoli

    Olympe, e le Donne del Muro Alto

    #180benecomune

    Olympe, dunque…

    Archivio

    Tag

    Articolo precedente
    Articolo successivo