More

    Notti

    Torna poi la notte che si riempie di ululati di cani e soffi di scimmie, soffi di corno e canti di mantra, sprazzi di fuochi e campane lontane…

    Di nuovo ricordando un viaggio lontano, mentre in questa notte ancora così vicina, ancora umida di vapori di caldo malato, un cane ulula il suo strazio, a tratti, lacerati, senza speranza. Prigioniero, so, di mura di spazi. Ancora, manca l’aria.

    Ultimi Articoli

    Compagna solitudine

    Porrajmos, il genocidio dimenticato

    Il salotto del papà di Carlo…

    Il papà di Carlo

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteL’orto di Ti’ Angiullina
    Articolo successivoUn pensiero