More

    Ritorno a Berlino

    Continuando le cronache della Berlino di venti anni fa.

    “Berlin 30.1.90  E adesso la Perestroika, qui in DDR, si sta giocando una carta molto importante, ad una velocità senza precedenti. Quello di Honecker – l’ultimo grande stalinista della Germania Orientale-  e’ un arresto annunciato, ma rinviato da mesi per le gravi condizioni di salute del vecchio segretario comunista. In carcere  e’ finito  anche il generale Milke, il capo assoluto della Stasi, la polizia segreta del vecchio regime. Ma  adesso il primo ministro Modrow, insieme con Gregor Ghisy – l’uomo nuovo della Sed-  non  ha più tempo.  Bisogna fare presto. Il primo ministro ha anticipato  le elezioni:il 18 marzo, non più il 6 maggio. E dopo sette ore di trattative, ha garantito la partecipazione alla Wolkskammer, la Camera del Popolo,  di un membro di ogni gruppo del dissenso. Perché da una parte c’e’un governo sempre più traballante. Dall’altra  c’e’ un’opposizione nuova, che non ragiona più in termini di destra/sinistra, ma di rapporti base/vertice. Un’opposizione a volte incerta tra il restare movimento o diventare partito. Come il Neues Forum,che si e’ spaccato sulla riunificazione delle due Germanie”. (Dagli appunti di viaggio di Daniela Morandini)

    Ultimi Articoli

    Lo strazio dei bambini

    Le Donne del Muro Alto

    carcere e covid, fra emergenze e menzogne

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteLa missione
    Articolo successivoMemoria, memorie…