More

    In autobus …

    Osservando in autobus una giovane suora, dalla pelle di un bellissimo colore ambrato, dai tratti somali, e gli occhi brillanti di cerbiatta. Se ne incontrano spesso, di suore, qui sulle strade che incrociano le piazze delle basiliche. A coppie, a gruppi, in file che sono quasi prove di processioni. Se ne incontrano spesso, e di tutti i paesi. A volte mettono serenità, a volte allegria persino. A volte mestizia. Non so quanto proiettando su di loro momenti sfasati di umori che a loro pure non appartengono. Ma c’è un pensiero difficile da mandar via, ogni volta che vedo vestita da suora una giovane africana. Pensiero triste. Perché ho sempre trovato i vestiti delle monache quanto di più mesto e mortificante per un corpo di donna. Che è pensiero che immagino lontano, a loro, forse, in tutt’altre dimensioni proiettate. Ma proprio non riesco a non pensarla, oggi, quasi una cattiveria. Costringere nel pesante rigore di forme non proprie quei corpi elastici e snelli, e nati liberi, che sanno di corse e di vento. Imbrigliare col nero, il grigio, il marrone di spesse stoffe, corpi cresciuti nei colori delle tele d’Africa. Che sanno di vita e di terra, e che delle cose più belle della terra hanno la morbidezza e l’eleganza. Per noi perdute. Pensiero quasi soffocante, mentre osservo, insistente e maleducata, i lineamenti della giovane donna che ho davanti, la linea malinconica della sua bocca, mentre con la testa appena inclinata guarda, sembra senza guardare, l’asfalto fuori dal finestrino.

    Ultimi Articoli

    Le Donne del Muro Alto

    carcere e covid, fra emergenze e menzogne

    Ieri a Napoli

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteA proposito di scrittori
    Articolo successivoUjjayi