More

    Torture

    Il 26 giugno sarà la Giornata Internazionale dell’Onu contro la tortura. Ricordando che in Italia esiste la “Pena di Morte Viva”, una pena che non finisce mai se al tuo posto non ci metti un altro e che l’ergastolo ostativo è una pena di morte dove il boia è il tempo e vieni ammazzato e torturato ogni secondo, ogni minuto, ogni giorno, ogni anno che passa. Ricordando che in Italia il carcere è il posto istituzionale più illegale e dove si muore e ci si toglie la vita di più di qualsiasi altro luogo, i detenuti e gli ergastolani in lotta per la vita di Spoleto, raccogliendo l’invito dell’Associazione Liberarsi e per dare solidarietà allo sciopero della fame a Marco Pannella, aderiscono a tre giorni di sciopero della fame. Il 24-25-26 giugno, contro la tortura del carcere e nel carcere e contro l’ergastolo ostativo.

    Carcere Spoleto,  giugno 2011

    I firmatari : Lato A primo piano AS1, Lato A secondo piano AS3, Lato A terzo piano AS3, Lato B primo piano AS1, Lato B secondo piano AS2, Lato B terzo piano AS3, Transito AS3

    Ultimi Articoli

    Lo strazio dei bambini

    Le Donne del Muro Alto

    carcere e covid, fra emergenze e menzogne

    Archivio

    Tag