More

    Berlino, per finire…

    Un ultimo pensiero, a Berlino. E ai vent’anni trascorsi da allora. Con questi versi.

    “E sperimentavo la caduta dei confini, quando lo sguardo scivolava /di nuovo dall’altra parte, nella catena di colline dei nostri doppi occhi / scintillava un mondo di esche, il di qua era diventato / di là, nella soluzione acquosa nuotavano / le immagini attraverso l’cchio nella macchina, pronte / a incagliarsi per paura di venire sviluppate- / teste e immagini di teste nella nebbia, / genetica proletaria, bambini rossi, obiettivi dolorosi / bloccati da fronti impallidite
    Katrin Schmid (100 poesie dalla DDr,  ISBN Edizioni, 2010.)

    Ultimi Articoli

    C’era una volta, oggi… La frattura

    Aiutiamo “postazione Eugenia” a rinascere!

    Marco Cavallo non si sfratta!

    La ragazza col tovagliolo

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteAssalto al cielo… trent’anni dopo
    Articolo successivoDomenico