More

    Senza un perché

    “Voi pensate a quel che c’è fuori della camera, alle strade della città, a quelle piccole piazze fuori mano dalle parti della stazione. A quei sabati d’inverno tutti uguali.
    E poi ascoltate quel rumore che si avvicina, ascoltate il mare”.
    Non so perché. Ma aprendo, a caso, una pagina dai Testi segreti della Duras. Una frase, della malattia della morte. Chissà perché. Forse per il rumore, sentendone il richiamo, di quel mare.

    Ultimi Articoli

    Lo strazio dei bambini

    Le Donne del Muro Alto

    carcere e covid, fra emergenze e menzogne

    Archivio

    Tag

    Articolo precedentepolvere…
    Articolo successivoRicordate Franca Viola?