More

    Verso dove? – 18

    Premessa. Invito alla lettura di Cosa resta, di Christa Wolf (ed e/o). Il racconto della giornata di una donna sorvegliata dalla Stasi. Cento pagine come un lungo sospiro senza pause. Per quel che resta, quel che restava di tutto ciò in cui la scrittrice tedesca ha creduto. Prima di proseguire, con la cronaca di quei giorni, di dicembre di venti anni fa. Esattamente il 19 dicembre. Dal taccuino di Daniela Morandini.

    Berlin 19.11 .89

    La STASI non c’e’ piu’. I suoi duemila dipendenti da questa mattina devono cambiare mestiere. La decisione ufficiale del governo Modrow poco fa,  alla tavola rotonda con i gruppi dell’opposizione. Perche’ questa, la settimana scorsa, era stata una delle prime richieste di Neues Forum, Demokratie Jezt, Verdi, SPD, Sinistra Unita. La STASI, ufficialmente il ministero per la sicurezza nazionale. In realta’, la piu’ grande rete di spionaggio della Germania Orientale, fino a poco tempo fa il feudo assoluto di Erich Milke, ottantadue anni,  adesso in carcere per abuso di potere e corruzione. Una struttura rigidissima di stampo sovietico. I  suoi uomini facevano paura, infiltrati dappertutto, nelle fabbriche, nelle scuole, nelle case. Anche un portiere poteva essere una spia del regime. E adesso, mentre la tavola rotonda continua, i sindacati della DDR  chiedono che sia riconosciuto il diritto di sciopero. E nelle edicole, esce il Neues Deuchland – l’organo della SEDPDS-  con una nuova testata:  “Proletari di tutto il mondo unitevi “, la vecchia frase marxiana, da anni stampata in prima pagina,  ora non c’e’ piu’.

    Berlin 19.11.89

    Tra poco a Dresda, i leader delle due Germanie: Modrow, primo ministro della DDR, e Kohl, il cancelliere federale. Un incontro a quattro occhi. Poi tocchera’ alle due delegazioni firmare i primi accordi. Poi ancora, l’incontro con il vescovo di Dresda, e con i gruppi dell’opposizione. Intorno, un’aria non facile. A Berlino Ovest, al congresso della SPD, Willy Brandt, davanti ad un’enorme fotografia  dell’Europa, ribadisce  che i cittadini della DDR non hanno bisogno di consigli. A Dresda e a Berlino Est, Neues Forum,Sinistra Unita e Verdi, tra poco torneranno in piazza contro la riunificazione. E ancora da Berlino Est, una mozione comune tra Governo e opposizione, ricorda che la sovranita’ dei due stati tedeschi non deve essere messa in dubbio da nessuno. Infine a Lipsia, centocinquantamila sono scesi in piazza contro la stalinismo. In silenzio, le candele in mano, questa volta senza spaccature.

     

    Ultimi Articoli

    Lo strazio dei bambini

    Le Donne del Muro Alto

    carcere e covid, fra emergenze e menzogne

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteAppuntamento
    Articolo successivoAufviedersen (verso dove?)