More

    A proposito di Collins…

    Un aggiornamento, sulla vicenda di Collins Igbinoba, che con Salvatore Bandinu aveva partecipato al progetto di scrittura in carcere dal quale è nato “La cella di Gaudì”. E’ ancora nel Cie di Bari, Bandinu lo ha sentito poco fa. Gli ha chiesto come si sentisse e gli ha risposto: “tradito, abbandonato e preso in giro”. “Mi ha ripetuto almeno una ventina di volte, scrive Bandinu, che lui avrebbe voluto una piccola opportunità in Italia, che in carcere ha lavorato e si è sempre comportato bene, che sarebbe potuto scappare ma non lo ha fatto. Non capisce come mai prima tutti lo cercassero per portare in giro un progetto mentre adesso che è lui ad avere bisogno, nessuno più si fa sentire. Non ho saputo cosa rispondere. O meglio, lo avrei saputo ma ho preferito omettere. Il CIE di Bari è peggio di un carcere. Siamo entrati nella vita di questi detenuti e in qualche modo ce ne siamo fatti carico… Mi ha ripetuto in continuazione di essere confuso. Anche io lo sono”. Già, perché la vita di Collins, ne “La cella di Gaudì”, è diventata narrazione che si è offerta a tutti noi, e ognuno di noi, leggendola ne prende parte e ne diventa parte. Ed è cosa questa, difficile da buttarsi alle spalle. Come ben spiega Salvatore Bandinu: “Se raccontare una storia significa intersecare solo per un attimo un altra vita, una diversa esistenza rispetto alla nostra, anche se nulla possiamo affinchè il sogno di Collins ( e di migliaia di persone come lui) si avveri, almeno sentiamoci in dovere di rattristarci per una sconfitta che non è solamente la sua. Sarà poco ma se non altro, prima di lavarcene definitivamente le mani, almeno un poco ce le saremo sporcate.. Non si può toccare il dolore altrui e poi dimenticare…. senza esserne contaminati…” . Già, perché forse potremo tranquillamente dimenticare, buttandola via, anche questa storia, come tante altre, facendone un fantasma, magari… ma i fantasmi, in qualche modo, ritornano, magari anche nutriti della forza del racconto al quale li abbiamo consegnati…

    Ultimi Articoli

    Le donne, la violenza…

    Lo strazio dei bambini

    Le Donne del Muro Alto

    Archivio

    Tag

    Articolo precedentepensiero di mezzagosto…
    Articolo successivovoci da dentro…