More

    Contro tutto ciò che si muove…

    “Spariamo a tutto cio’ che si muove, non vogliamo colpire civili”. Parla Alon, uno dei soldati di Tsahal a Gaza. La sua testimonianza sul Times. “Posso dire che questa è l’offensiva piu’ aggressiva che sia mai stata condotta nella lotta ai palestinesi”, dice. “Non sembra che siamo lì da poche settimane. Appare tutto distrutto, demolito, sembra che ci siano stati bombardamenti per anni. Non potete immaginare quanti danni siano stati fatti”, dice. “Non vogliamo uccidere i civili, cerchiamo di fare tutto quanto e’ in nostro potere affinche’ i civili, i non combattenti, non siano colpiti. Avvertiamo loro di abbandonare le aree in cui infuriano i combattimenti. Ma non è facile, cio’ che stiamo facendo è un lavoro difficile”, dice. “E’ importante andare avanti e ricordare cosa siamo in grado di fare. E’ l’unico modo per costringerli a fermarsi”, dice.

    Ultimi Articoli

    C’era una volta, oggi… La frattura

    Aiutiamo “postazione Eugenia” a rinascere!

    Marco Cavallo non si sfratta!

    La ragazza col tovagliolo

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteRestiamo umani
    Articolo successivoCronache di guerre…