More

    da scarceranda…

    aprendo l’agenda… Scarceranda… che per quest’anno mi ha regalato Mario Trudu… leggo oggi la poesia che introduce il mese di settembre. Eccola, di Egi Nazeraj: “Vola pietra vola, / vola verso le case dei miei boia, / vola che la mia voce è così sola / tra le sbarre con la rabbia e con la noia. // Ascoltami padre, / ascolta la mia voce, / il tuo mondo non mi dà pace, / mi tortura per colpa di una croce. // Un giorno insegnerò ai miei figli, / gli insegnerò a voler sognare, / senza imporgli i miei consigli, / perché la libertà è poter pensare”.

    Chissà da quale carcere, chissà da quale pena… Egi Nazeraj… avvicinandoci all’autunno…

    Ultimi Articoli

    Le donne, la violenza…

    Lo strazio dei bambini

    Le Donne del Muro Alto

    Archivio

    Tag

    Articolo precedentefallimenti, ancora…
    Articolo successivopoesia ribelle…