More

    élites….

    Viaggiando, superveloci in seconda classe. Rosso, argento, azzurro… non ricordo il colore, ma insomma su uno dei treni che sfrecciano che più veloci non si può tra una città e l’altra. E sentire, mentre il treno si allontana dalla stazione, una voce metallicamente cortese, che da un altoparlante pronuncia frasi… per dire che bene, che tutto è a posto, che presto si  arriverà ovunque si voglia arrivare, e che sul treno la pulizia è assicurata (perché non dovrebbe esserlo?), e che anzi si aggirano fra i vagoni addetti alle pulizie dei gabinetti, ai quali è (persino!?) possibile rivolgersi in caso qualcosa non vada esattamente come dovrebbe andare, a proposito di pulizia dei gabinetti, naturalmente. Sciccherie da treni di lusso, naturalmente… Ma poi accade, ancora, di essere questa volta sorpresi dalla stessa voce garbatamente metallica che dall’altoparlante annuncia, a tutti, che presto in prima classe i viaggiatori saranno confortati con caffé, cornetti, spumante… Esclusivamente quelli di prima classe, naturalmente. E che tutti gli altri lo sappiano, che la differenza di classe è differenza di classe… Ancora stupendosi, della volgarità ormai imperante che questi annunci ha dettato… dei solchi sempre più profondi, e più larghi, scavati a dividerci, e allontanarci, a colpi di monete, gabinetti e brioches…

    Ultimi Articoli

    C’era una volta, oggi… La frattura

    Aiutiamo “postazione Eugenia” a rinascere!

    Marco Cavallo non si sfratta!

    La ragazza col tovagliolo

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteDonne, uomini… ancora
    Articolo successivoL’educazione buona…