More

    Gabbiani e carceri…

    Entrando, dopo anni, in un carcere, sia pure dalla porta degli ospiti in visita, sia pure nelle stanze per gli ospiti in visita. L’incontro con persone, di cui parlerò… Non ora, che il tempo è breve e le parole tante, ad intasare i pensieri. Solo per consegnare il rumore dell’immagine inquietante di folle di gabbiani… enormi, i gabbiani… ad affollare, a ridosso delle mura, appena fuori delle grate delle finestre, bordi d’erba dove planano rifuiti… che dalle grate qualcuno butta giù… a buttar giù la rabbia… e gridano, gridano quei gabbiani… che hanno lasciato il mare… e le onde… e il vento… e che come carcerati volontari consegnano a una prigione il loro tempo…

    Ultimi Articoli

    Tra la folla

    Rizpà e le altre…

    lettera per un amico che non c’è più

    Fùtbol

    Archivio

    Tag

    Articolo precedenteSemi
    Articolo successivoa proposito di “Luce dei miei occhi”